Contenuto principale

Messaggio di avviso

Lunedì, 22 Ottobre 2018 08:43

Sostegno abitativo per l'integrazione del canone di locazione a favore di coniugi separati o divorziati

Scritto da

Sul BURL Serie Ordinaria n. 42 - Giovedì 18 ottobre 2018 è stata pubblicata la pdf DGR 16 ottobre 2018 - n. XI/644 (126 KB) che integra e proroga i termini della misura Sostegno abitativo per l'integrazione del canone di locazione a favore di coniugi separati o divorziati (link esterno al sito Comune di Calolziocorte: la pagina è in corso di aggiornamento).

Conseguentemente sino al 29 maggio 2020 la domanda potrà essere presentata on line da parte del genitore separato o divorziato sull’applicativo accessibile alle pagine web di Regione Lombardia all’indirizzo www.siage.regione.lombardia.it (collegamento esterno al sito di comune di Calolziocorte).

Si ricorda che la misura è finalizzata a sostenere i genitori separati o divorziati in condizione di vulnerabilità mediante un contributo economico pari al 30% dell’ammontare del canone annuo di locazione dell’immobile adibito ad abitazione, diversificato a seconda che si tratti di canone di locazione calmierato/concordato o a prezzo di mercato e viene riconosciuto, di norma, per un anno.

Il contributo non può essere superiore a:
- Euro 2.000,00 nel caso di canone calmierato/concordato;
- Euro 3.000,00 nel caso di canone a prezzo di mercato.


Destinatari:

a) essere intestatario diretto (o co-intestatario con familiari) di contratto di locazione. Nel caso di contratto co-intestato ai due coniugi prima della separazione o del divorzio, il coniuge che mantiene la residenza nell’abitazione indicata nel contratto può far valere il contratto stesso come requisito per la partecipazione all’Avviso. Non sono, invece, considerati ammissibili contratti co-intestati a nuovi conviventi. E’ assimilabile al contratto di locazione il contratto di godimento di cooperativa a proprietà indivisa.

b) essere residente in Lombardia da 5 anni;

c) avere un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a € 20.000,00;

d) avere dei figli nati o adottati nel corso del matrimonio;

e) essere in stato civile di “separato/a” o di divorziato/a;

f) non risultare beneficiario di contributi regionali per il recupero della morosità incolpevole e/o non risultare assegnatario di alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà di Aler o dei Comuni salvo il caso in cui il canone corrisposto sia a prezzo di mercato e non calmierato o concordato;

g) non essere stato condannato con sentenza passata in giudicato per reati contro la persona, tra cui gli atti persecutori di cui al decreto – legge 23 febbraio 2009, n. 38, nonché per i delitti di cui agli articoli 570 e 572 del codice penale.

Nel caso in cui il genitore sia rientrato nel nucleo familiare di origine temporaneamente si deroga alla verifica contestuale del requisito dell’ISEE che dovrà essere perfezionato entro i sei mesi successivi alla presentazione della domanda, pena la perdita del contributo eventualmente assegnato. Tutti gli altri requisiti devono essere soddisfatti. Tale deroga non è valida nei casi in cui i genitori separati/divorziati dichiarino il rientro nel Paese di origine.

Nel caso di rientro nella famiglia di origine il/la richiedente deve allegare alla domanda, entro 6 mesi, i seguenti documenti:

- nel caso di rientro temporaneo, un contratto di locazione presso un’abitazione diversa da quella della famiglia di origine;

- nel caso di rientro definitivo, un contratto di locazione, anche co-intestato con un familiare, relativo all’abitazione condivisa con uno o più membri della famiglia d’origine.

Possono accedere al contributo anche i genitori che si trovano a vivere condizione di grave marginalità sociale e che risultano ospitati presso strutture di accoglienza o che vivono in condizioni precarie e non dignitose. Per questa categoria di genitori è previsto inoltre un progetto personalizzato di accompagnamento con durata ed entità del contributo economico personalizzato definito da parte degli operatori territoriali per il reinserimento attivo della persona e finalizzato al suo riscatto sociale (in tal caso il contributo di abbattimento del canone di locazione è riconosciuto per un biennio, a cui può essere aggiunto, a seguito della definizione del progetto personalizzato e del patto di corresponsabilità, un contributo annuo fino a € 1.000,00 al fine di superare lo stato di difficoltà).


Informazioni e contatti:

- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E' possibile inoltre contattare telefonicamente:

Giulia Borgomaneri tel.: 02 6765 3616

Letto 624 volte